Autore
Titolo
Collana
  -
..
  .Cerca per categoria:
.Search by category:


Grandi Opere

Arte

Cinema

Critica letteraria

Etnologia e geografia

Fotografia

Letteratura italiana

Letture per ragazzi

Musica

Ristampe

Saggistica varia

Storia

Storia locale

Teatro

Turismo - Guide

Urbanistica e Architettura

Archeologia

Storia del Diritto

Poesia

Narrativa

Biografie



 



Etica ed estetica dello sguardo
Il cinema dei fratelli Dardenne

A cura di Sebastiano Gesù

17x24, ISBN 978-88-7751-273-4, pagg. 184,74 ill. - Cod: 200621

€ 17,00 / (L.32.917)


Questa pubblicazione, tra le prime in Italia, getta uno sguardo trasversale, ricco di stimoli e di riflessioni sul cinema di Jean-Pierre e Luc Dardenne. I due fratelli belgi sono tra i pochi registi viventi ad avere ricevuto, oltre a innumerevoli altri riconoscimenti, per due volte la Palma d’Oro al Festival di Cannes (Rosetta 1999 e L’enfant 2005). Oggi vengono considerati tra i più importanti autori del panorama cinematografico europeo. Il loro film La promesse ha cambiato il volto del cosiddetto “cinema del reale”; un cinema di forte impegno sociale e di grande valore etico, che ha ispirato un’intera generazione di cineasti in tutto il mondo. Il loro stile rigoroso, asciutto ed essenziale è un segno distintivo, riconoscibilissimo, di un cinema coerente che, nel suo rigore formale, non scende mai a compromessi, e con l’utilizzo di mezzi profilmici strettamente indispensabili, sembra quasi aspirare a quella purezza bressoniana e rosselliniana che per i due fratelli cineasti ha costituito un vero e proprio magistero. Tra le poche a mettere in scena il lavoro, a tematizzare la crisi della paternità e la violenta assenza d’incontro con l’altro nella società contemporanea, l’opera dardenniana è un processo elaborativo di contenuti e di forme espressive. Vedere i film dei fratelli Dardenne è un’esperienza fisica e sensoriale diversa, più impegnativa e traumatica per certi versi, ma più profonda. La mancanza totale di sfumature epigrammatiche, nell’apparente freddezza narrativa, volta a rappresentare in modo attendibile la tragedia di certi vissuti, si apre spesso ad afflati umani e toni poetici, perché i Dardenne sono sì severi ma in fondo non sono pessimisti. A loro dire, anche se la situazione non incoraggia all’ottimismo, la vita trionfa sempre.

SOMMARIO

La poetica dell’essenziale e l’estetica del reale di Sebastiano Gesù

Cinema, nascondere e scoprire il mistero di Flavio Vergerio

«Dal fango della realtà»: i segni dello spazio urbano di Stefania Rimini

Gli spazi della marginalità di Luisa Ceretto

Nel nome dei figli di Elena Galeotto

La rappresentazione dei minori di Fabrizio Colamartino

La narrazione dolorosa di Alessandro De Filippo

Un sistema o una formula? di Elio Girlanda

La promesse, lo sguardo e(sc)luso di Sebastiano Pennisi

Rosetta. Il “farsi” di un film di Giancarlo Zappoli

Rosetta, la Mouchette contemporanea di Zef Muzhani

Astrazione ed empatia: Il figlio e il cinema dei Dardenne di Emiliano Morreale

L’enfant, l’etica dell’immagine di Livio Marchese

Nota biografica di Chiara Gesù

Filmografia

Bibliografia

Visualizza Carrello